• Tre e due

    Il membro ha resistito, kuxilsya, ma entrambi abbiamo fatto uno sforzo e ora Dick è stato attaccato dall'alto, lentamente seduto sul cazzo e guardandomi negli occhi. Hanno intravisto in loro il bagliore di quella notte? O semplicemente mi diverto a divertirmi? Qualunque cosa fosse, Dick, ondeggiava al ritmo della macchina, aumentando la velocità ogni minuto. Un membro volò dentro il tronco del suo vulcano, scivolò lungo le onde del piacere, inumidendo abbondantemente la pubescenza dei nostri succhi d'amore. Sì, mi dai uova così morbide! L'auto sobbalzò, lei saltò giù dal membro, afferrò la doppietta.

     

    - Penso che abbiamo bisogno di cambiare la posa. - Ho passato del tempo a guardare come lei respira, come si alza il petto stretto, come i suoi capezzoli brillano, si spalmano con le mie labbra. - E tu ...

     

    - Io rappresento. - Mi ha spinto maliziosamente con lo stivale.

     

    - Si? - Le mie mani l'afferrarono per i fianchi, la tirarono più vicino al tavolo.

     

    "Sul tavolo?" - Saltò su di lui, si sedette, allargò le gambe, afferrando con le mani i bordi degli scaffali superiori. E si appoggiò un po 'indietro. Il diavolo!

     

    "E sul tavolo!" - Le ho fatto un passo, un po 'rannicchiata, sporgendo il culo, provando al suo ingresso.

     

    "Non tirarlo." Si morse il labbro, soffiando le ali del suo naso. Il membro si seppellì prima nel pube pungente, scivolò giù, stretto tra le labbra gonfie. - Sì! Misha! Misha!

     

    Oltrepassandoci, a una velocità frenetica, un treno passeggeri scivolò via, come nei film - rapidamente, scintillando di finestre illuminate, portando via i contorni di volti, figure. E gli occhi di una donna che ha capito quello che stiamo facendo, il momento in cui i nostri occhi si sono incontrati per un momento. Sono stato trasportato dopo il treno - anche in modo rapido, anche elusivamente luminoso. Dika afferrò i bordi, cercando di rimanere in un posto, ma un minuto dopo riportò le mani nella posizione precedente sul bordo dello scaffale. Il treno era trasportato lungo una lunga curva, io ero trasportato nel vulcano infuocato delle sue carezze, la passione per l'orgasmo, sembrava essersi trattenuta. Ad un certo punto, quando le ho intercettato le cosce, ha stretto le mie mani, strizzato, bruciando il mio petto con il suo secondo numero, dolcemente, ma lei mi ha urlato nell'orecchio "Misha !!" E ha colpito la spina nella mia banca del seme. Lo strinsi e misi il ritmo in modo che il tavolo stridasse minacciosamente. E poi improvvisamente mi venne in mente un pensiero: "Mi chiedo quante tonnellate di sangue mi stanno pompando il cuore?" Un'idea interessante durante il sesso, non è vero? Ma io sono così.


  • Commentaires

    Aucun commentaire pour le moment

    Suivre le flux RSS des commentaires


    Ajouter un commentaire

    Nom / Pseudo :

    E-mail (facultatif) :

    Site Web (facultatif) :

    Commentaire :